Covid-19: quando il virus non è solo pandemia

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Quarantena come amplificazione degli stati emotivi.

Hubei, 17 Novembre 2019. Primo caso riconosciuto di infezione da Sars-Cov-2. Quello che sembrava essere un problema legato esclusivamente alla lontana Cina, si trasforma nell’arco di pochi mesi in una pandemia mondiale. 

Un virus nuovo, sconosciuto, paralizza e stravolge la vita di migliaia di persone. La rapidità e l’aggressività che lo contraddistinguono sono da subito evidenti così come il fatto che la vita di ogni cittadino non sarà più la stessa. Tutto si ferma: scuole, uffici, serrande abbassate. Le istituzioni impongono il distanziamento sociale in quanto la negligenza dell’altro potrebbe trasformarsi in qualcosa di estremamente pericoloso, mortale.

Periodici e notiziari diffondono notizie angoscianti: un abbraccio, un bacio, una semplice carezza assumono una connotazione contraria rispetto alla loro natura. Guanti e mascherina diventano indumenti necessari da indossare mentre paura, stress, angoscia, rabbia sono emozioni da gestire e con le quali convivere.

Difficile da controllare è il dolore: quello legato alla perdita di un proprio caro che, a causa del momento che si vive, non può ricevere le attenzioni e il conforto adeguato, generando ulteriormente un senso di colpa nei confronti di chi deve lasciarlo andare. Un lutto nel lutto dunque, quello che si vive a causa dell’isolamento dovuto al Covid-19.

Famiglie spezzate e coniugi rimasti soli, infermieri costretti a passare un telefono fingendo che tutto vada bene ma con una realtà ben diversa davanti agli occhi. Tutto è molto asettico, a tratti astratto e fondamentalmente di nessun aiuto poiché l’unica strada per superare un lutto è viverlo.

Ci troviamo davanti a una gestione particolare del dolore legato a una situazione di stress eccezionale che, in quanto tale, molte persone non riescono a gestire precipitando in una chiusura personale che porta l’essere stesso alla deriva. La “soluzione” proposta da alcuni psicoterapeuti consisterebbe nel vedere la morte come compimento naturale della vita.


Riferimenti:

 

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo contenuto è protetto, condividilo con i pulsanti di condivisione. Grazie!