mercoledì, Dicembre 30, 2020
Home Psicologia Biblioterapia: quando i libri curano

Biblioterapia: quando i libri curano

La biblioterapia è stata definita, nel 1961, dal   come: l’utilizzo di un insieme di letture scelte quali strumenti terapeutici in medicina e psichiatria. Un mezzo per risolvere problemi personali grazie a una lettura guidata.

Questa terapia, che negli Stati Uniti viene praticata sin dal XIX sec., ha visto il suo primo lavoro incisivo negli anni Trenta, a opera del dottor William Menninger, che la applicò con successo in ambito psichiatrico.[2]

Negli anni Novanta fu pubblicato un lavoro nel  , dove veniva dimostrata la sua efficacia per ridurre i sintomi depressivi e i pensieri disfunzionali in genere.[3]

Ancora oggi, la parola   ha diversi significati, a seconda del contesto in cui viene usata, dei professionisti che la applicano e dei problemi che è chiamata a risolvere. Arleen McCarthy Hynes, la prima terapeuta a inserire questa terapia all’interno di una clinica psichiatrica, individuò un’importante distinzione tra .[4]

La   deve essere praticata da psichiatri e psicologi che si devono attenere a  per curare patologie mentali diagnosticate.

La biblioterapia dello sviluppo viene svolta da personale non medico ed è usata per stimolare la parte sana delle persone, per promuovere la crescita personale, cognitiva e psico-affettiva.[5]

Grazie alla sua versatilità, per i contesti in cui può essere applicata e per le problematiche che può aiutare a risolvere, anche in Italia sono nati diversi progetti all’interno delle carceri, delle biblioteche e in alcune strutture sanitarie.[6]

Chiara Gradassi


[1] Brandino S., Biblioterapia: quando la letteratura e psicologia si incontrano, State of Mind, il giornale delle scienze psicologiche, 21 dicembre, 2017 https://www.stateofmind.it/2017/12/biblioterapia-letteratura-psicologia/

[2] Dalla Valle M., Esiste davvero la biblioterapia? Analisi della disciplina e possibili applicazioni nelle biblioteche, Rivista Biblioteche oggi, fascicolo 32, N. 8, ottobre 2014

[3] Messina L., Biblioterapia: “Prescrivere un libro”, HumanTrainer.com http://www.humantrainer.com/articoli/biblioterapia-prescrivere-un-libro.html

[4] McCarthy H.A., Mary H.-B., Biblio/poetry therapy. The Interactive Process: A Handbook, North Star Press of St. Clound Inc., St Cloud-Minnesota, 1986-1994

[5] Dalla Valle M., Esiste davvero la biblioterapia? Analisi della disciplina e possibili applicazioni nelle biblioteche, Rivista Biblioteche oggi, fascicolo 32, N. 8, ottobre 2014

[6] Dott.ssa Mininno Rosa, http://www.biblioterapia.it/biblioterapia.html

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Valerio Todini: studente amato

Giovane talentuoso autore, ci ha lasciato. Un ragazzo speciale, curioso e creativo, dalle scelte audaci e non scontate. L’Istituto Armando Curcio si stringe al cordoglio della...

Fakecracy e over-verità: la “pseudoconoscenza”

Fakecracy e over-verità: facce della stessa medaglia La nostra era sembra essere il prodotto della post-verità, ossia una verità che rifiuta la certezza dei dati...

Il racconto del virus: da infopandemia a pancomunicazione

Il Coronavirus rappresenta il grande nemico che il mondo sta affrontando in questi ultimi mesi. Una questione che si dirime tra misure mediche emergenziali...

Mantenimento e rottura di un legame affettivo

«L’amore è l’unico modo per cogliere un altro essere umano nel nucleo più intimo della sua personalità» (Frankl, 2012). La ricerca di un senso e...

Recent Comments

Questo contenuto è protetto, condividilo con i pulsanti di condivisione. Grazie!