lunedì, Dicembre 28, 2020
Home Psicologia La bussola delle nostre emozioni

La bussola delle nostre emozioni

Quando il cambiamento si fa duro, entra in gioco l’intelligenza emotiva.

Il cambiamento è connaturato alla nostra esistenza: ce lo dimostra, in senso più ampio, l’evoluzione della specie[1]. Che sia frutto di una decisione personale o imposta, resistere può portare un costo emotivo piuttosto alto. Confusione, paura, ansia, frustrazione, impotenza possono essere emozioni[2] con la quale ci si deve confrontare, difficili da gestire. La chiave è fare in modo di rimanere nel momento, scegliere le priorità, accettare l’imperfezione e riconoscere che tutto è un’opportunità di crescita[3].

Sebbene siano fasi delicate, è possibile prepararsi alle variazioni della vita, calibrando di volta in volta la percezione delle nostre competenze e gli obiettivi da raggiungere. Una tendenza sempre più concreta è l’attenzione all’intelligenza emotiva. Una gestione più consapevole dell’intelligenza emotiva può rivelarsi utile per rompere uno schema legato a opinioni negative e implementare l’adattabilità[4].

Spesso si legge “Abbraccia il cambiamento!”, ma quali sono le strategie per allenarsi a farlo? Qui entra in gioco l’intelligenza emotiva, la capacità di conoscere e utilizzare le proprie emozioni, che influenzano poi i comportamenti. Tra le tecniche più utili, la professoressa Kandi Wiens, dell’Università della Pennsylvania, suggerisce di identificare la radice della resistenza, analizzare la propria risposta emotiva alla novità, pianificare per essere parte attiva in una situazione nuova e costruire una prospettiva positiva per il cammino che si sta aprendo[5].

Marica Servolini


[1] Pascual R. (2015), L’evoluzione: crocevia di scienza, filosofia e teologia, Edizioni Studium, Roma.

[2] Musso M., <<Ecco le nuove 27 emozioni umane fondamentali>>, Wierd Italia, 13 settembre 2017, consultato il 19 aprile 2020.

[3] Myers C., << 4 Coping Strategies You Can Use When You’re Feeling Overwhelmed At Work>>, Forbes [Online], 12 luglio 2018, consultato il 19 aprile 2019.

[4] Goleman D. (2012), Intelligenza emotiva, che cos’è e perché può renderci felici, Rizzoli, Segrate (MI)

[5] Wiens K. J. (2016), Leading through burnout: The influence of emotional intelligence on the ability of executive level physician leaders to cope with occupational stress and burnout, University of Pennsylvania Press, Philadelphia, consultato il 19 aprile 2020.

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Valerio Todini: studente amato

Giovane talentuoso autore, ci ha lasciato. Un ragazzo speciale, curioso e creativo, dalle scelte audaci e non scontate. L’Istituto Armando Curcio si stringe al cordoglio della...

Fakecracy e over-verità: la “pseudoconoscenza”

Fakecracy e over-verità: facce della stessa medaglia La nostra era sembra essere il prodotto della post-verità, ossia una verità che rifiuta la certezza dei dati...

Il racconto del virus: da infopandemia a pancomunicazione

Il Coronavirus rappresenta il grande nemico che il mondo sta affrontando in questi ultimi mesi. Una questione che si dirime tra misure mediche emergenziali...

Mantenimento e rottura di un legame affettivo

«L’amore è l’unico modo per cogliere un altro essere umano nel nucleo più intimo della sua personalità» (Frankl, 2012). La ricerca di un senso e...

Recent Comments

Questo contenuto è protetto, condividilo con i pulsanti di condivisione. Grazie!