Tutela dell’autore con la tecnologia “blockchain”

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
blockchain

Tutela dell’autore con la tecnologia blockchain

L’editoria, al passo con una società sempre in movimento, non può permettersi di rimanere indietro.

Con l’affermarsi del web e con la conseguente globalizzazione, il diritto d’autore ha perso un elemento fondamentale: la “territorialità”.
Non è più necessario recarsi fisicamente in un determinato luogo per acquistare l’opera: la si può trovare tranquillamente in rete. Come rimpiazzare quindi questa mancanza e tutelare oggi il diritto d’autore sul web?

La risposta potrebbe essere la tecnologia blockchain[1] ideata da Satoshi Nakamoto[2], pseudonimo della persona o del gruppo di persone che nel 2011 hanno lanciato la Bitcoin e che per tenere un registro di tutte le transazioni che avvengono con quest’ultima hanno dato forma ad un sistema che sfrutta i dati e la potenza di una rete di computer provenienti da ogni parte del mondo. Si è così realizzata una vera e propria banca dati in continuo aggiornamento da poter utilizzare in molti campi, come quello per la difesa dell’editoria.

 

Leggi l’articolo completo nel numero di settembre.


[1] È definita come un registro digitale le cui voci sono raggruppate in blocchi, concatenati in ordine cronologico, e la cui integrità è garantita dall’uso della crittografia.

[2] L’ultimo contatto da parte di Satoshi Nakamoto è stato nel 2011, quando dichiarò di essere passato ad altri progetti e di aver lasciato il Bitcoin in buone mani con Gavin Andresen.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo contenuto è protetto, condividilo con i pulsanti di condivisione. Grazie!